Sono tornata!

E' stata più dura di quel che immaginassi, ma ce l'ho fatta!
Lavoro bellissimo, ok, però sinceramente non vedevo l'ora di tornare a casa!
Ora mi riposo qualche giorno e poi quando il tempo migliorerà e il mare lo permetterà, dovrò stare ancora una decina di giorni su un altro isolotto. Che s'addafà pe' campa'!

Mentre ero via, sul web mi sono successe un sacco di cose, tutte bellissime. Innanzitutto ho vinto il mio primo giveaway, quello di Giocattoli Creativi in cui c'era in palio un set di strumenti musicali per bambini. E so già che Enrico impazzirà dalla gioia quando li vedrà!
Poi devo ringraziare tutte le persone che hanno votato il biglietto e il portacandele che avevo fatto per partecipare a due delle tappe della caccia al tesoro di mammafelice: mi hanno permesso di vincere una t-shirt decorata con un personaggio dei cartoni che posso scegliere io e uno dei bellissimi libri della collana L'ATTACCASTORIE. Grazie mille!
Ne approfitto anche per fare i complimenti a Claudia che ha vinto il premio finale: te lo meriti proprio, perchè fai un sacco di cose bellissime e sei una continua fonte di ispirazione!
Infine ho scoperto che siamo in finale nel contest "Io indosso i pannolini lavabili, e tu?": qui potete trovare la nostra testimonianza; se vi piace, votateci, altrimenti... votate il migliore! Per votare, cliccate qui. C'è tempo fino a mercoledì alle 13.


Per una decina di giorni sarò assente dal web: vado a lavorare su quell'isolotto su cui non ero riuscita ad andare quest'estate, perchè mi ero fatta male (vedi questo post). Allora ne ero stata quasi contenta, perchè mi faceva un po' paura: stavolta mi tocca... e mi fa ancora paura!
Fatemi tanti in bocca al lupo, perchè mi serviranno per non cascare giù dall'isolotto e sfracellarmi sugli scogli - mamma mia, che immagine truce!
Scusate se non risponderò ai commenti o a eventuali vincite (ma quando mai!). Lo farò appena rientrata, giuro.
Statemi bene, e mentre starete al calduccio nelle vostre belle casette, ogni tanto pensate a quella povera derelitta in una tenda, sotto la pioggia, su un isolotto dove non ci sono che uccelli e qualche arbusto. Direte: ma chi te lo fa fare? E c'avete ragione! Me la sono cercata!
Ciao!

Dal 20 al 28 novembre 2010 avrà luogo la seconda edizione della Settimana Europea per la Riduzione dei Rifiuti promossa dall'Unione Europea. In questa occasione pannolinilavabili.info, in collaborazione con Rifiuti 21 Network, Associazione Culturale Pediatri e Associazione Comuni Virtuosi, ha istituito la prima Giornata nazionale del pannolino lavabile: sarà il 25 novembre.

Per festeggiare, Gloria di Eco & Eco ha deciso di indire un concorso giocoso per parlare di pannolini lavabili.

In palio ci sono 2 premi:

1° premio: un kit di pannolini lavabili “Provali Tutti!” (taglia S, M o Unica) composto da:


1 prefold Pagù
1
muslin disana
1
ciripà disana
1
fitted in cotone disana o totsbots bamboozles o Dream Eze o Popolini
1
pannolino AIO Gro Baby o Dream Eze
1
pannolino pocket MammaFlo’ o totsbots
2
mutandine impermeabili Pagù o totsbots o GroBaby
1
inserto assorbente in canapa
1
gancetto snappy


2° premio: un kit Accessori per i pannolini lavabili composto da:


1 wet bag GroBaby o totsbots
2
salviette lavabili mimeme
1 confezione di
salviette usa e getta 100% biodegradabili Naturaè
1 confezione di
cotone bio Naturaè
1 confezione di
veli cattura feci da 100 disana o Popolini
1
lenzuolino-fasciatoio impermeabile lineecurve


Per partecipare basta:

- scrivere un post, un articolo, una nota su fb (magari con una bella foto dei pannolini) in cui si racconta brevemente perché si sono scelti, quali sono i pro e i contro, come ci si è trovati (non necessariamente prendendosi sul serio)… Insomma, la propria esperienza di genitori che ci hanno provato (e magari ce l’hanno fatta)

- linkare, condividere, e soprattutto commentare il post del contest per lasciare il link al post che si candida per il contest.

C'è tempo fino al 25 novembre 2010; il 28 verranno comunicati i finalisti del concorso e il 1 dicembre saranno premiati i vincitori.


Ed ecco allora la nostra esperienza:

"Se il buongiorno si vede dal mattino, allora le mie, da un anno e passa a questa parte, sono giornate un po' di m....! Sì, perché cominciano immancabilmente col lavaggio di un pannolino pieno di... Cioccolato svizzero? Cacao della Bolivia? Noooo, cacca! - come diceva un vecchio adagio di Mina. E spesso si chiudono anche nello stesso modo; per non parlare del quasi quotidiano intermezzo post-prandiale!
Ma va benissimo così, per fortuna non sono un persona particolarmente schifittosa. E non sono neanche masochista. È una scelta che ho fatto per mio figlio, perchè non voglio che la sua pelle sia a contatto con le sostanze chimiche tossiche che, ormai si sa, sono contenute negli usa e getta (e sembra anche assodato che gli usa e getta siano una delle cause dei crescenti problemi di infertilità... e io voglio diventare nonna!); lo faccio per l'ambiente, perchè un solo bambino in 3 anni di vita può arrivare a utilizzare 6000, dico 6000, pannolini, cioè una montagna di plastica che ci mette centinaia di anni a degradarsi (e rilascia pure le sostanze di cui sopra); e lo faccio anche per il mio portafoglio, perchè gli usa e getta non è che proprio te li regalino e usare i lavabili è un bel risparmio; se poi dovessi avere un altro figlio, li riutilizzerei sicuramente (gli stessi, perchè sono praticamente come nuovi!). In una parola... lo faccio per il futuro di tutti noi. Vabbè, ora, non sono la salvatrice dell'umanità... però, cavolo, sono orgogliosa del mio piccolo contributo.
Poi dicono che lo spannolinamento sia più facile, perchè i bimbi imparano a riconoscere prima gli stimoli: speriamo...
Per gli stessi motivi al cambio non usiamo le salviette umidificate (le usiamo solo fuori casa), ma laviamo il pargolo direttamente nel lavandino con acqua e sapone di marsiglia.
Tra l'altro - piccola parentesi - vista l'esperienza positiva con i pannolini, ho deciso anch'io di dire addio agli assorbenti usa e getta e mi trovo benissimo con quelli lavabili.
Tornando ai pannoli, ne abbiamo di varie marche, ma di due tipi, i pocket e i tuttoinuno (AIO): alcuni sono con i bottoncini e alcuni col velcro, e se potessi tornare indietro forse li prenderei solo con i bottoncini, perchè il velcro a furia di lavarlo un po' si sciupa: noi abbiamo risolto sostituendo in alcuni pannolini quello vecchio con del velcro nuovo, ma con i bottoncini non c'è nessun problema e su ogni pannolo ce n'è così tanti che si riesce sempre a regolare al meglio.
Alcuni poi sono in microfibra, altri in tessuto naturale (cotone e bambù): sono contenta di aver fatto un mix, perchè quelli in microfibra asciugano molto più rapidamente. Infatti alle volte la fase dell'asciugatura è un po' problematica, ma più che altro è dovuto al fatto che abitiamo in un posto, le Azzorre, dove non esistono i termosifoni (anche se d'inverno fa freddino pure qui!) e alle volte durante la stagione fredda devo asciugarli con la stufetta elettrica o col phon e, pur avendone un buon numero, arriviamo pelo pelo (su questo frangente i pocket sono sicuramente meglio dei AIO). In una casa italiana col riscaldamento credo che il problema non esisterebbe o quasi. Questo è l'unico aspetto negativo, se vogliamo dir così, perchè poi il tempo necessario per sciacquarli, metterli in lavatrice, stenderli e ritirarli è ben poca cosa rispetto ai vantaggi che portano. Quindi direi proprio che il voto finale è.... 10+!
Il motivo per cui partecipiamo al contest? Be', con l'inverno alle porte qualche pannolo in più ci farebbe proprio comodo!"



Flash Glitter Text


Ecco Enrico mentre si presta gentilmente a fare da modello:



Ed ecco parte del nostro "malloppo" che cerca di asciugare all'aperto in una rara giornata autunnale senza pioggia: alle spalle si vede il nostro orto e le mucche che il nostro padrone di casa fa portare ogni tanto per non dover tagliare l'erba (ne avevo già parlato in questo post, ve lo ricordate?)


E ora aspettiamo il responso della giuria.
Ciao a tutti!

Quanto mi piacciono i giveaway in cui si vincono libri!
Tanto per cambiare è Barbara, meglio conosciuta come
Mammafelice, a ospitare il giveaway della libreria Tabata, una libreria per bambini online fondata da 2 mamme.
Due persone potranno vincere un libro per bambini a testa da scegliere tra questi (nel
post del giveaway ci sono i link per poter leggere la descrizione di ognuno):



Per partecipare basta:
-lasciare un commento al post del giveaway, specificando il titolo del libro che si vorrebbe ricevere in caso di vittoria
-iscriversi alla Fan Page della Libreria Tabata su Facebook
-se si vuole, registrarsi gratuitamente sul sito Libreria Tabata, per restare aggiornati su sconti e promozioni
-condividere il giveaway sul proprio blog o su Facebook e simili.

C'è tempo fino al 22 novembre.
In bocca al lupo!

Nell'aria c'è un altro bellissimo giveaway, quello organizzato da Giocattoli Creativi e ospitato da Mammafelice: si può vincere un Set di giocattoli musicali della Janod, adatto a bambini dai 18 mesi in su, oppure un premio equivalente che il vincitore potrà scegliere direttamente sul sito Giocattoli Creativi.

Il set di giocattoli musicali contiene:

-uno xilofono a 8 toni (25 x 12 x 4.5 cm)
-un tamburello con piatti (15 x 15 x 4.5 cm)
-un flauto (L 31 cm)
-un paio di nacchere (6 x 6 x 2 cm).


Per partecipare basta:

-lasciare un solo commento al post del giveaway su Mammafelice
-iscriversi alla newsletter di Giocattoli Creativi, se si vuole restare informati sugli sconti di Natale
-iscriversi alla pagina Facebook di Giocattoli Creativi

C'è tempo fino al 16 novembre.
In bocca al lupo!


Era qualche mese che avevo in ballo questi pantaloni di Enrico, morbidi, di maglina, tipo fuseaux, che ormai non gli andavano più bene; invece di passarli ad altri bimbi come abbiamo fatto per quasi tutti i suoi vestiti, questi continuavo a tenerli, perchè mi ispiravano, non sapevo cosa, ma mi ispiravano. E qualche giorno fa finalmente l'ispirazione si è fatta più chiara e ho pensato che potevano diventare un cappello per la mezza stagione per Enrico: l'elastico in vita infatti non stringe molto e non darebbe fastidio sulla fronte. Volevo fare, però, un cappello simpatico e allora ho tagliato le gambe in modo da creare 2 orecchie e poi le ho richiuse su se stesse, dando due punti con ago e filo.




Che dite, vi piace?

Quello di cui vi voglio mettere al corrente questa volta è un super giveaway: infatti in palio c'è questa meraviglia:


Si chiama il Seggiolo ed è un seggiolone di legno regolabile che si trasforma in sedia, così da essere adatto ai bambini di tutte le età e anche agli adulti.

Il giveaway è indetto da Blogmamma e per partecipare basta:

-Linkare il post del giveaway sul proprio blog o su facebook e simili

-Fare una foto allo schermo del computer aperto sulla pagina che contiene il link pubblicato (basterà premere il tasto Stamp), incollarla su un foglio Word e conservarla perché, in caso di vincita, sarà la foto che attesterà la pubblicazione del link al post e darà diritto al premio

-Lasciare un commento a tema al post del giveaway. Il tema è: Come dovrebbe essere il seggiolone ideale? E partecipare al relativo sondaggio: Qual è la caratteristica più importante per un seggiolone?

C'è tempo fino al 14 novembre.
In bocca al lupo!


Ormai credo si sia capito che non mi piace buttar via niente, no?
Ecco l'ultima mia crezione riciclosa: ho usato un ombrello rotto, un po' di elastico, ago e filo. Per prima cosa ho separato la tela dall'intelaiatura (senza buttare i "pirulini"- non so in che altro modo chiamarli- che si trovano in fondo alle stecche, perchè possono sempre servire per un altro ombrello, o chissà, magari anche per qualcos'altro...), ho inserito l'elastico lungo tutto il bordo...

...e poi ho ripiegato e cucito il vertice per "tappare" il buco attraverso cui passa il bastone dell'ombrello. Ed ecco un fantastico telo impermeabile copritutto!

Basta ripiegarlo e chiuderlo con la fascetta dell'ombrello stesso, già bell'e pronta, ed occupa pochissimo spazio.



Io lo tengo sempre nello zaino per poterlo coprire in caso di pioggia, ma altri usi che mi sono venuti in mente sono coprire il carrello della spesa se il parcheggio del supermercato è all'aperto (come è qui da noi), per arrivare alla macchina senza infradiciare tutto oppure coprire la valigia o il trolley, quando l'ombrello non è grande a sufficienza. È molto versatile, diciamo che si sposa bene un po' con tutto!
Ora aspetto che mi si rompa un altro ombrello, perchè ho già in mente altre cosine belline belline da fare, anzi mi sa che uno solo non mi basterà!

E sempre a proposito di riutilizzo degli ombrelli, guardate un po' cosa si sono inventate queste 2 giovanissime designer italiane.

Portafoglio di tetrapak

Qualche giorno fa ho scovato un sito bellissimo: si chiama O luxo do lixo, ovvero "Il lusso della spazzatura". E' in portoghese, ma non è difficile da capire e comunque le foto aiutano molto. È una raccolta di tantissime idee per riciclare di tutto e di più.
Ho voluto subito provare a fare una delle cose mostrate: manco a farlo apposta avevo sottomano una confezione di succo di frutta in tetrapak molto colorato e allegro e sembrava perfetto per diventare... un bel portafoglio!



Ha due tasche, una per i soldi e una per le varie tessere punti, tessera sanitaria, tessera Avis, bancomat, ...
Qui trovate il tutorial fotografico che ho seguito. Io ho fatto una sola piccola modifica che mi sembrava più funzionale: ho legato il tappo al portafogli, in modo da non perderlo; poi sul tappo ho anche attaccato un cuoricino di gommacrepla (o foam), per bellezza.
Io non sono tipo da portafogli classico ed elegante; a me piacciono le cose colorate, originali e magari anche un po' arrabattate. Non sono normale, lo so!
Ciao a tutti!

Related Posts with Thumbnails

Abbonati!

http://www.wikio.it

Campagna Nastro rosa contro il cancro al seno

Campagna Nastro rosa contro il cancro al seno
Controllarsi è importantissimo!

Sostieni anche tu Massi e la sua famiglia

Lettori fissi

About this blog

Se cercate creazioni perfette, elaborate e sciccose... avete sbagliato blog! ^_^ In questo piccolo angolo di web troverete creazioni per lo più semplici e veloci preparate usando tecniche diverse e con un occhio al riutilizzo dei materiali, perchè cerco sempre di dare una seconda vita alle cose. Troverete anche giocattoli, perchè mi piace vedere la faccia del mio bimbo che si illumina quando prende in mano un gioco fatto da me. E anche attivitá per bambini, suddivise in base all'età e liberamente ispirate al pensiero montessoriano.
In qualunque modo siate arrivati qui, spero vi troverete bene. Un commento è sempre gradito, ma se non vi va...grazie comunque della visita e tornate presto a trovarmi!

Le mie creazioni

Segnalato da

segnalato da pane, amore e creativita

Contavisite


visitante

Se lo ami, legalo

I blog per la sicurezza

Cancerogeni? No, grazie!

Cancerogeni? No, grazie!
Io boicotto i prodotti Johnson's baby

Giveaway vinto !!!!

Abbiamo partecipato anche noi !!!

partecipa al concorso io indosso pannolini lavabili, e tu?

Ho partecipato ...e ho vinto 2 premi !!!

Sostieni una mamma

Vai al sito di Sostieni una Mamma Sostieni il Futuro

Sostieni anche tu Save the Children

Save the Children Italia Onlus

About Me

La mia foto
Piombino, Livorno, Italy
31 anni, mamma, biologa, creativa nel (poco) tempo libero, dopo essere stata per 3 anni naufraga su di uno scoglio in mezzo all'oceano chiamato Faial, ora vivo in Toscana con il mio compagno e il nostro gn-ometto e cerco giorno per giorno la mia nuova strada.

Elenco blog personale

Se vuoi realizzare una bambola Waldorf, clicca qui

Progetti in corso

  • Cibo di feltro
  • Forno solare

Progetti nel cassetto

  • Booties

Earth Day 2010

Si è verificato un errore nel gadget