Visto che la bambola non l'ho vinta, ci riprovo. Grazie al bellissimo blog di Francesca e Davide EquAzioni sono venuta a sapere di un altro giveaway: sul blog 'Mo-Mò viene messo in palio un pannolino lavabile taglia unica fitted-AIO, in cotone, impermeabile, con chiusura in velcro e bottoncini per poterlo regolare:


C'è tempo fino al 1 maggio.
Le regole sono sempre più o meno le stesse:
  1. lasciare un commento sul blog
  2. postare il giveaway sul proprio blog e/o su facebook
  3. iscriversi tra i sostenitori del blog
Ne abbiamo già un bel malloppo, ma visto il clima che c'è dalle nostre parti, uno in più non fa mai male!
E sul blog ho trovato una cosa molto interessante di cui non avevo mai sentito parlare: Ecosia, un motore di ricerca che permette ad ogni ricerca effettuata di salvare 2 metri quadri di foresta tropicale in Brasile grazie ad una collaborazione col WWF.


Questo è un video (in inglese) che spiega brevemente di cosa si tratta:


Passate parola, mi raccomando!

Finalmente anch'io partecipo ad un giveaway: Mammafelice mette in palio 3 bambole offerte da EcoMiQui, realizzate a mano e in materiali naturali nell'ambito di un progetto equo e solidale in India. Partecipare è semplice: basta lasciare un commento su Mammafelice entro domani, 25 aprile 2010; linkare il giveaway sul proprio blog/sito, su Facebook o su Twitter; e infine diventare fan della fan page di EcoMiQui (http://www.facebook.com/Ecomiqui).




Non sono bellissime?

Terra Madre


Sulla scia della giornata di ieri volevo segnalare "Terra Madre", un film-documentario di Ermanno Olmi: è uscito nei cinema italiani l'anno scorso, ma io l'ho scoperto solo in questi giorni. Non so che successo di pubblico abbia avuto in Italia, ma penso che sia assolutamente da vedere. Su Youtube potete trovare il trailer:



Un mondo in continua corsa, un ritmo di vita che ci travolge e non ci lascia il tempo per pensare. Tutto nella quotidianità odierna porta a sentire la necessità di ristabilire un contatto con la terra, con la natura. Bisogna tornare a un rapporto come quello dei contadini che lavorano la terra, rispettandola e assecondandone i ritmi. In questo senso la pellicola “Terra madre” di Ermanno Olmi (nata dall’incontro del regista con “Slow Food”) risponde alla necessità, oramai avvertita come inderogabile, di trovare questo nuovo modo di relazionarsi con la natura perché lo sfruttamento senza freni della terra rischia di provocare danni irreparabili. Il film è un documentario che parte dall’omonimo evento internazionale del 2006 - che ha portato a Torino contadini, allevatori, pescatori, cuochi e produttori artigianali dell’agroalimentare di tutto il mondo - per dar vita ad assemblee plenarie e incontri informali. Partendo da questo spunto Olmi esalta il mondo contadino mostrando la sua maniera di vivere la terra e la natura in maniera corretta. Il contadino vive dei prodotti della terra, trae un suo guadagno da questo lavoro ma al contempo è legato all’ambiente da sentimenti di amore e rispetto. Questo mondo rischia di venire schiacciato dalle leggi del profitto e dall’intervento delle grandi imprese. Il documentario affronta anche la tematica del cibo attraverso la sua connessione con le questioni economiche, ecologiche e sociali. Si va dalle immagini della banca delle sementi creata in Norvegia, alle api uccise dai pesticidi, da quelle girate in India al seguito del capo della commissione internazionale per l’alimentazione,Vandana Shiva, a quelle che ripercorrono un anno di lavoro di un contadino.

“Terra madre” (progetto ideato da “Slow Food”) è un’associazione che riunisce, con scadenza biennale, i contadini, i pastori e i nomadi di ogni parte del mondo per tentare di tutelare il valore delle produzioni agro-alimentari sviluppate a livello locale in varie parti del globo. L’obiettivo è quello di offrire la possibilità di esprimersi a contadini, pescatori e allevatori e portare a conoscenza di tutti il loro insostituibile e pregevole lavoro.

“Slow Food” nasce con l’idea di reagire al dilagare dei fast food cercando di far riscoprire il piacere connesso al cibo attraverso la degustazione dei prodotti tradizionali e locali di ogni parte del mondo. “Slow food” vuole evitare un’omologazione del gusto nel mangiare ricordando la cultura legata ai prodotti culinari e la necessità di cercare una qualità di vita più consona ai tempi naturali dell’uomo.

Spettacolare è l'ultima mezz'ora, un autentico omaggio alla vita semplice, ai colori e ai suoni della natura.

Link utili:

Felice Giorno della Terra a tutti! Soprattutto alla Terra, anche se ha poco di che essere felice...
Le iniziative per celebrare questa giornata non si contano. Io nel mio piccolo volevo segnalarne qualcuna:
  • Mammafelice propone 10 cambiamenti ecologici alla portata di tutti da mettere in pratica non solo oggi, ma tutto l'anno
  • su Pane, Amore e Creatività si possono trovare tante idee riciclose, alcune iniziative dedicate a questa giornata e informazioni su come rendere ecosostenibile il proprio sito
  • Mamma News propone altri consigli eco
E ora lancio anch'io la mia proposta: tenere sempre nella borsa un piccolo sacchettino pieno di semi (possono essere semi comprati o anche semi che troviamo nella frutta e nella verdura che mangiamo) e appena si trova un pezzo di terra, anche solo un'aiuola, spargerne un po'. L'ideale sarebbe farlo con un po' di criterio, per non rischiare di fare più danno che altro e introdurre in un ambiente specie che non c'entrano nulla.
Non voglio prendermi meriti che non ho, non è un'idea mia, lo faceva già Bill Mollison (il padre della permacoltura: per saperne di più clicca qui ), ma non è stato neanche il primo. E' un'idea che a me piace moltissimo; quando ne ho sentito parlare per la prima volta è stato come un fulmine a ciel sereno: ma perché non ci ho pensato prima? Ed è un'attività bellissima da insegnare ai bambini.

E infine la mia creazione mooooolto ecologica per celebrare questa giornata: un forno solare. Purtroppo non è ancora finito, ma ormai manca poco, devo solo chiuderlo e fare il coperchio.



Doveva essere il regalo di compleanno per l'Amore Mio, che proprio oggi compie 33 anni: da naturalista-vegetariano-permacoltore alle prime armi qual è non poteva che nascere oggi! Auguri Amore Mio!
Spero di riuscire a finirlo presto, ma soprattutto spero che comincino presto ad esserci delle belle giornate, per poterlo provare. Ecco dove mi sono ispirata per costruirlo:
Sullo sfondo si vede parte del nostro orticello: bello,vero? Merito dell'Amore Mio.

Vi saluto con una poesia bellissima:
Quando l'ultimo albero sarà stato abbattuto,
l'ultimo fiume avvelenato,
l'ultimo pesce pescato,
vi accorgerete che non si può mangiare il denaro.
La nostra terra vale più del vostro denaro.
E durerà per sempre.
Non verrà distrutta neppure dalle fiamme del fuoco.
Finché il sole splenderà e l'acqua scorrerà,
darà vita a uomini e animali.
Non si può vendere la vita degli uomini e degli animali;
è stato il Grande Spirito a porre qui la terra
e non possiamo venderla
perché non ci appartiene.
Potete contare il vostro denaro
e potete bruciarlo nel tempo in cui un bisonte piega la testa,
ma soltanto il Grande Spirito sa contare i granelli di sabbia
e i fili d'erba della nostra terra.
Come dono per voi vi diamo tutto quello che abbiamo
e che potete portare con voi,
ma la terra mai.
Piede di Corvo, Piedineri

Manco a farlo apposta, il giorno dopo aver scritto il mio primo post, il computer ha cominciato a fare le bizze. Abbiamo temuto il peggio, che potesse abbandonarci da un momento all'altro, e allora di corsa a copiare tutto. Ora sembra che si sia ripreso. Speriamo bene.
La creazione che ha l'onore di inaugurare il blog è molto semplice: ho unito riutilizzo creativo e decoupage per abbellire un contenitore di latta...

...ed ecco il risultato:

Ingredienti:
  • barattolo di latta
  • cartoncino bianco
  • tovagliolo per decoupage
  • scotch biadesivo
  • colla vinilica
  • vernice all'acqua con glitter

Procedimento:
ho ritagliato una striscia di cartoncino bianco che ricoprisse l'intero barattolo; con la colla vinilica diluita ho decoupato il tovagliolo (ricordate di togliere 2 dei 3 veli che formano il tovagliolo, quelli bianchi naturalmente!) e poi ho attaccato il tutto al barattolo utilizzando del nastro biadesivo forte. Una mano di vernice glitterata...et voilá!
Ora finalmente so dove mettere creme, cremine, mollettine e cianfrusaglie varie che stazionano in perenne disordine sul mio comodino.
E visto che viviamo in un'isola persa in mezzo all'oceano (pian piano vi racconteró tutto), il tema non poteva che essere marino.
Ciao a tutti!

Eccoci, si parte. E' un po' come iniziare a scrivere un libro: hai davanti tutto quello spazio bianco e vorresti scrivere qualcosa di simpatico, qualcosa che colpisca, ma continui a scrivere e cancellare, scrivere e cancellare, mai contenta.

Ecco, ora inizio, basta.
Dunque....
.....no, no, ci sono.
Finalmente mi sono decisa, ho anch'io il mio blog. Era tanto che ci pensavo, ma poi avevo sempre rimandato. Mi piace molto l'idea di avere uno spazio tutto mio, anche se solo virtuale, dove poter parlare di una delle cose che mi piace fare di piu', ovvero creare. Creo un po' di tutto, non ho una tecnica preferita: passo dal cucito creativo, al decoupage, allo scrapbooking, dipende dal momento; ma piu' di tutto mi piace creare riutilizzando tutto quello che mi capita sotto mano: cartone, plastica, metallo e altro ancora.
Alle volte prendo spunto dai lavori di altri, alle volte invece e' tutta farina del mio sacco.
Ho intenzione di fare molta pubblicita' ai blog che amo di piu' e spero che col tempo qualcuno faccia lo stesso con me!
Ogni tanto vorrei, pero', parlare anche di altre cose: di ricette, perlopiu' cioccolatose :), ma in fondo sempre di creativita' si tratta; di pannolini lavabili, orto, decrescita e altre ecoidee; e qualche volta ci scappera' sicuramente anche qualche post politico-social-solidale, eh sì, perche' quando scappa, scappa!:)
Spero che quello che troverete in questo mio angolo di web vi piaccia. E mi raccomando... commentate, commentate, commentate, anche cattiverie (non troppe, abbiate pieta')!

P.S. Si e' capito che mi piace Mafalda?

Related Posts with Thumbnails

Abbonati!

http://www.wikio.it

Campagna Nastro rosa contro il cancro al seno

Campagna Nastro rosa contro il cancro al seno
Controllarsi è importantissimo!

Sostieni anche tu Massi e la sua famiglia

Lettori fissi

About this blog

Se cercate creazioni perfette, elaborate e sciccose... avete sbagliato blog! ^_^ In questo piccolo angolo di web troverete creazioni per lo più semplici e veloci preparate usando tecniche diverse e con un occhio al riutilizzo dei materiali, perchè cerco sempre di dare una seconda vita alle cose. Troverete anche giocattoli, perchè mi piace vedere la faccia del mio bimbo che si illumina quando prende in mano un gioco fatto da me. E anche attivitá per bambini, suddivise in base all'età e liberamente ispirate al pensiero montessoriano.
In qualunque modo siate arrivati qui, spero vi troverete bene. Un commento è sempre gradito, ma se non vi va...grazie comunque della visita e tornate presto a trovarmi!

Le mie creazioni

Segnalato da

segnalato da pane, amore e creativita

Contavisite


visitante

Se lo ami, legalo

I blog per la sicurezza

Cancerogeni? No, grazie!

Cancerogeni? No, grazie!
Io boicotto i prodotti Johnson's baby

Giveaway vinto !!!!

Abbiamo partecipato anche noi !!!

partecipa al concorso io indosso pannolini lavabili, e tu?

Ho partecipato ...e ho vinto 2 premi !!!

Sostieni una mamma

Vai al sito di Sostieni una Mamma Sostieni il Futuro

Sostieni anche tu Save the Children

Save the Children Italia Onlus

About Me

La mia foto
Piombino, Livorno, Italy
31 anni, mamma, biologa, creativa nel (poco) tempo libero, dopo essere stata per 3 anni naufraga su di uno scoglio in mezzo all'oceano chiamato Faial, ora vivo in Toscana con il mio compagno e il nostro gn-ometto e cerco giorno per giorno la mia nuova strada.

Elenco blog personale

Se vuoi realizzare una bambola Waldorf, clicca qui

Progetti in corso

  • Cibo di feltro
  • Forno solare

Progetti nel cassetto

  • Booties

Earth Day 2010

Si è verificato un errore nel gadget